TERAPIA DELLO SCOMPENSO CARDIACO CRONICO: QUANDO IL GIOCO SI FA DURO

SALA DAMATO

10.00-11.50

 

Moderatori: F.M. Bovenzi, Lucca – S. Di Somma, Roma – R. Scioli, Roma

 

Terapia con ARNi già nelle prime fasi di malattia: perché iniziare subito?
R.P. Ricci, Roma

 

L’iperkaliemia nello scompenso cardiaco: nuove prospettive e soluzioni
N. Aspromonte, Roma

 

Il ventricolo destro nello scompenso cardiaco. I pazienti sono tutti uguali?
Dall’imaging alle alterazioni neurormonali: significato prognostico e trattamento. Quale terapia per l’insufficienza della tricuspide, gli edemi e la
funzione renale. L’assistenza meccanica può diventare un’opzione reale?
S. Ghio, Pavia

 

L’inizio della terapia con Sacubitril/Valsartan in ospedale: dalle nuove
evidenze una grande opportunità
C. Tota, Roma

 

Nuove terapie all’orizzonte per lo scompenso cardiaco
L. Monzo, Roma

 

Sacubitril/Valsartan: la scelta nel paziente con insufficienza renale cronica
G. Cice, Napoli

 

La gestione integrata delle comorbidità nel paziente con scompenso cardiaco
M. Canepa, Genova

 

Rivalutazione della funzione ventricolare sinistra nel corso del follow-up
di pazienti impiantati con ICD mono o bi-camerali
T. Fujino, Tokyo (JP)

 

Discussione